Associazione Memoria della Benedicta

BENEDICTA 7 APRILE 1944:
LA PIÙ GRANDE STRAGE DI PARTIGIANI DELLA STORIA DELLA RESISTENZA ITALIANA

Immagine Home 1
Immagine Home 2
Immagine Home 3
Immagine Home 4
Immagine Home 5
Immagine Home 6
Immagine Home 7

Cos'è la Benedicta

Breve storia dell'eccidio

Il 7 aprile 1944 ingenti forze nazifasciste circondarono la Benedicta e le altre cascine dove erano dislocati i partigiani e colpirono duramente i giovani, spesso impossibilitati a difendersi per la mancanza di un adeguato armamento e di esperienza militare. Il rastrellamento proseguì per tutto il giorno e nella notte successiva. Molti partigiani, sfruttando la conoscenza del territorio, riuscirono a filtrare tra le maglie del rastrellamento, ma per centinaia di loro compagni non ci fu scampo.

In diverse fasi i nazifascisti fucilarono 147 partigiani, altri caddero in combattimento; altri partigiani, fatti prigionieri, furono poi fucilati, il 19 maggio, al Passo del Turchino.

Altri 400 partigiani furono catturati e avviati alla deportazione (quasi tutti a Mauthausen), ma 200 di loro riuscirono fortunosamente a fuggire, mentre i loro compagni lasciarono la vita nei campi di concentramento.

Ultime News

Conversazione con l’autrice Rafaella Romagnolo, direttrice artistica del Benedicta Festiva, presenta il suo ultimo romanzo “Di luce propria” conversando con Giorgio Barberis dell’Associazione Cultura e […]

Incontro con lo scrittore Marco Balzano, autore del libro “Quando Tornerò“. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti. Presso Enoteca Regionale di Ovada e del […]

Dal 7 maggio al 4 luglio la rassegna culturale dedicata a musica, letteratura, storia e conservazione della memoria. Si chiama “Benedicta Festival – Arte e […]

Foto Archivio Home 1
Foto Archivio Home 2
Foto Archivio Home 3
Foto Archivio Home 4
Foto Archivio Home 5

Archivio Digitale Benedicta

Logo Archivio Benedicta

… O la manutenzione del ricordo

È in fase di costruzione l’archivio on-line, con il finanziamento della Fondazione Social in collaborazione con ISRAL e Università del Piemonte Orientale, un archivio multimediale sui tragici fatti della Pasqua del 1944. In questo archivio digitale saranno contenute testimonianze, documenti, scritti e pubblicazioni che ricondurranno alla cronaca degli episodi che hanno coinvolto il territorio di Capanne di Marcarolo, e l’area tra il genovesato e la Provincia di Alessandria, dall’inverno del 1944 fino all’ aprile del 1945 e che culminarono nell’ aprile del ’44 con il rastrellamento della Benedicta ovvero l’operazione militare organizzata dai comandi militari germanici di Genova e Alessandria sotto l’ insistenza delle forze della neonata Repubblica di Salò che comportò l’ accerchiamento da parte dell’esercito nazifascista delle formazioni partigiane stanziate intorno al Monte Tobbio e il loro conseguente annientamento; testimonianze di un evento tragico, che si inseriscono in quelle, più ordinarie e quotidiane, che riguardano la vita e la storia delle comunità che abitarono il territorio intorno al Monte Tobbio, e il loro rapporto con l’ambiente, con quel patrimonio naturalistico che costituisce oggi il Parco Regionale delle Capanne di Marcarolo.

Siamo agli inizi del percorso: in questa prima fase presentiamo il “contenitore” dell’ Archivio che ospiterà, per l’ occasione, tutti i materiali prodotti per la Celebrazione on-line del 76°anniversario della Benedicta#io resto a casa. La maggior parte di questi documenti oggi dedicati all’ anniversario, insieme agli altri che man mano pubblicheremo sul sito www.archiviobenedicta.org andranno a costituire il nostro archivio digitale che continuerà ad arricchirsi in una prospettiva idealmente illimitata. Scopo dell’ archivio è quello di raggruppare tutte “le memorie della Benedicta” in uno spazio virtuale, memorie lontane e diverse, che connesse in uno spazio comune possano ulteriormente rielaborarsi, arricchirsi e trasformarsi in nuovi percorsi di approfondimento e studio.